Tra cambio d’ armadio, Susanna e Leopolda:

Per me questo è stato il week end del fatidico “cambio stagionale dell’ armadio”, un appuntamento temuto da tutte le donne. Armata di santa pazienza, devi archiviare i vestiti estivi e tirare fuori quelli invernali. Impresa titanica? Per me si, tentare inutilmente da anni di chiarire il mistero delle grucce: in inverno ne avanzano decine, in estate ne mancano centinaia. Visto il week end “politicamente” movimentato, non potevo scegliere momento migliore per compiere questa mia operazione casalinga. Perché il cambio dell’ armadio diventa una sorta di metafora della nostra vita:  provare, eliminare, cambiare, buttare, scegliere, rinnovare, preparasi ad affrontare la nuova stagione. Potevi scegliere questo week end tra la Susanna e la Leopolda ( ricorda un po’ lo stile dei titoli dei film anni ’80 con Alvaro Vitali), restare solidi sul presente o cambiare per il futuro. Tengo il cappotto dell’ anno passato, che ormai è fuori moda ma mi ha tenuto caldo o prendo quel nuovo giubbetto tecnologico anti pioggia? Rispetto e stimo chi ha partecipato ad entrambe le manifestazioni, non per un seguire la massa, ma per le proprie ideologie. Ancora di più apprezzo i volontari che per giorni, si sono prodigati affinché queste due manifestazioni si svolgessero senza problemi. Io andrei volentieri ad una manifestazione dei disoccupati, dei precari, non degli iscritti ad un sindacato che un lavoro l’hanno o l’avevano. Andrei per quei ragazzi che non hanno mai trovato un lavoro, per il padre di famiglia che ha lo sfratto e non ha nulla, per il pensionato che percepisce 500 euro al mese e si ritrova a mangiare una volta al giorno. Il lavoro è vita, senza questo c’è solo insicurezza e paura. Prima di guardare al futuro, devo pensare al giorno dopo, senza avere ansia o timore. Io non mi aspetto che lo Stato sia la risposta a tutto, o che sia un centro d’ accoglienza, ma spero e voglio  abbia la prudenza di tutelare il cittadino e “l’ imprudenza” di cambiare, di buttare, di provare. Come scriveva James Gordon Bennet : “Non è che alcuni abbiano forza di volontà ed altri no. É che alcuni sono pronti a cambiare ed altri no.” Ho finito il cambio dell’ armadio, ah se il vostro marito vi chiede come mai non mettete più quel vestito che indossavate quattro taglie prima: rottamatelo ( il marito)..per il vestito c’è sempre la dieta!

Buona vit@,

Rivez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...